|  English  |  Français  |

Pagine

Progetto DCEC-RODEC

Deprived Children Education and Care

A Kathmandu molti bambini poverissimi, senza i mezzi per frequentare la scuola, trascorrono le giornate sulla strada, esposti ad ogni sorta di rischio (sfruttamento, incidenti, malattie e infezioni dovute alla totale mancanza di igiene,…). In queste condizioni, e senza avere accesso all’istruzione di base, difficilmente questi bambini potranno crearsi un futuro migliore del presente. Si tratta in gran parte di figli di famiglie indigenti, emigrate nella capitale in cerca di fortuna dai rispettivi distretti d’origine, figli di ragazze-madri, bambini abbandonati dai padri o da entrambi i genitori e affidati a qualche parente troppo povero per occuparsene veramente.

In genere i genitori o parenti di questi bambini lavorano dall’alba al tramonto per una paga da miseria che non basta certo a coprire il fabbisogno del nucleo famigliare, tanto meno ad assicurare l’istruzione dei figli. Di conseguenza i bambini sono abbandonati a se stessi tutto il giorno, diventando rapidamente “bambini della strada”, che cercano di procurarsi del cibo e sopravvivere in qualche modo. È evidente che il passo verso la delinquenza e/o la dipendenza da sostanze intossicanti è breve se non si interviene offrendo loro da subito la possibilità di frequentare una scuola, di avere un luogo e persone di riferimento dove sentirsi accolti oltre l’orario scolastico e di ricevere accompagnamento, affetto e cure.

Obiettivi

Obiettivo di questo progetto è creare in uno dei quartieri più poveri di Kathmandu un centro d’accoglienza diurno dove i bambini più piccoli possano soggiornare ricevendo le dovute cure e quelli più grandi possano trascorrere la giornata prima e dopo la scuola. In questo centro i bambini riceveranno inoltre un pasto completo la mattina e una merenda il pomeriggio, assistenza nello svolgimento dei compiti e cure mediche di base. I responsabili del centro lavoreranno inoltre in parallelo con le famiglie dei bambini, sensibilizzando le madri all’igiene e a un’alimentazione equilibrata, sebbene povera.

Strategia

Per il raggiungimento di questi obiettivi Kam For Sud si avvale della collaborazione della ONG nepalese RODEC (“Rights Oriented Development Center”), che opera dal 2003 a favore dei più svantaggiati, per i diritti dei bambini e delle donne, contro le discriminazioni di genere e casta, in particolare nei settori dell’istruzione e della salute. RODEC ha identificato cinquanta bambini corrispondenti alla descrizione dei casi sopracitati, ha trovato un appartamento in affitto al piano terra di una piccola palazzina nella periferia della capitale, con ancora un po’ di verde attorno per permettere ai bambini di giocare all’esterno, ed ha selezionato il personale necessario alla buona gestione del progetto.

Le attività in dettaglio

Con i bambini:

  • Distribuzione di un piatto di dal bhat (riso, lenticchie e curry: pasto tradizionale nepalese) al mattino
  • Iscrizione a scuola di tutti i bambini in età e in grado di frequentarla
  • Accompagnamento nell’esecuzione dei compiti scolastici e nelle attività ricreative di dopo-scuola
  • Distribuzione di una merenda pomeridiana
  • Controllo medico regolare e cure di base, incluse le vaccinazioni necessarie

Con le famiglie:

  • Sensibilizzazione delle famiglie a temi quali: igiene, salute, alimentazione, maternità, AIDS, ecc.
  • Piccolo credito per le famiglie

Risultati

Il progetto intende permettere a tutti i bambini di concludere almeno la scolarità di base (decima classe) in buona salute fisica e capaci di diventare cittadini indipendenti. Nel contempo il progetto intende sostenere le madri migliorando la situazione alimentare e igienico-sanitaria del nucleo famigliare, rendendole consapevoli dei propri diritti e creando una rete sociale che permetterà loro di sentirsi parte di una comunità solidale.